<

MDS continua l’automazione del suo magazzino dell’Ile-de-France con il partner Savoye

MDS, la consociata del gruppo Média-Participations specializzata nella distribuzione di libri, è tra le prime aziende ad avvalersi del sistema ‘goods-to-person’ di SAVOYE. Incoraggiata dalla continua crescita, la società ha costantemente aggiornato le sue soluzioni automatiche con il partner SAVOYE che integra soluzioni per la logistica e la supply chain.

Terzo gruppo editoriale in Francia (dopo Hachette ed Editis) con oltre 500 milioni di euro di fatturato ed una crescita costante, Média-Participations si distingue come una delle principali aziende del settore.

MDS si occupa della distribuzione di opere sia per la società madre sia per case editrici esterne (dal 25% al 30% della sua attività) e loro clienti, tra cui librerie, grandi negozi culturali come Fnac e Cultura, grandi rivenditori (Auchan, Carrefour, Cora, Casino, ecc.), supermercati, market place come Fnac.com e Amazon e siti turistici. Una grande impresa che rappresenta un totale di 55.000 articoli, circa 5.000 ordini ogni giorno e 50 milioni di copie inviate ogni anno, necessita continuamente importanti investimenti nella logistica.

L’automazione a supporto della crescita

A questo proposito, MDS utilizza tre siti: uno in Belgio, uno in Svizzera e un terzo, il più grande, a Dourdan nella regione di Parigi. Il sito di Dourdan ha 180 dipendenti diretti, assistiti da considerevoli rinforzi stagionali a fine anno.

MDS ha scelto di automatizzare questo magazzino di 35.000 m2 situato su 6,5 ettari presso Parigi. Costruito nel 2002, il sito è stato dotato di nastri trasportatori e di un sistema convenzionale per la preparazione degli ordini oltre che macchine cartonatrici PAC 600, software WMS, tutto fornito da SAVOYE. “All'epoca e ancora oggi la situazione non è cambiata di molto, i fornitori di attrezzature per la preparazione dettagliata degli ordini che conoscessero il business della distribuzione di libri erano davvero pochi. SAVOYE era già affermata nel settore ed era in grado di offrire una gamma completa di trasportatori, macchine per l'imballaggio, scaffali per lo stoccaggio dinamico e programmi di software WMS”, spiega Bruno Delrue, amministratore delegato di MDS. Negli anni successivi la MDS cresceva in modo significativo, ampliando la propria attività con la distribuzione di libri per bambini tramite la casa editrice Fleurus e i prodotti turistici Michelin. “Sono entrato in azienda nel 2005. MDS contava ottanta dipendenti rispetto ai 180 di oggi. La società ha avuto una crescita continua, principalmente attraverso lo sviluppo dei canali esterni. Perché ho optato per l'automazione avanzata? Provenendo dal mondo della distribuzione farmaceutica che è altamente automatizzata, volevo che il settore dei libri sfruttasse questi strumenti, nonostante le differenze tra i tipi di prodotto: un libro è molto più pesante e molto più ingombrante. I sistemi ‘goods-to-person’ sono ideali per superare questi vincoli. MDS è stata una delle prime a investire nella tecnologia "goods-to-person" nel 2010, quando SAVOYE ha lanciato il suo sistema robotizzato per l’orderpicking. Nel 2010 è stato installato un sistema con tre corridoi, sei elevatori e ventiquattro shuttle. Si trattava di un nuovo prodotto di SAVOYE: ci abbiamo creduto, l’abbiamo installato e oggi abbiamo appena ordinato il nostro quarto sistema ”, continua Bruno Delrue.

Installazione del quarto sistema INTELIS PTS ‘goods-to-person’

La collaborazione ha sempre avuto successo. Una seconda installazione dello Shuttle Savoye è arrivata nel 2014 (due stazioni per operatori, due corridoi, quattro elevatori e trenta shuttle), seguita da una terza nel 2017 (due stazioni per operatori, due corridoi, trentasei shuttle e quattro elevatori). Oggi, proprio mentre la società madre Média-Participations è in procinto di acquisire il gruppo La Martinière-Le Seuil, MDS continua ad espandere le proprie capacità nell’orderpicking e sta installando una quarta soluzione ‘goods-to-person’ nello stabilimento di Dourdan. Il sistema fornito da SAVOYE comprende due corridoi, cinquanta navette e due stazioni per operatore, che garantiscono 24000 ubicazioni di stoccagio. La messa in servizio è prevista per settembre 2020. “Dobbiamo consegnare ordini suddivisi per clienti con una rapidità che aumenta di continuo. Il numero di articoli è in aumento e gli ordini sono sempre più piccoli. I costi logistici aumentano per lo stesso fatturato. L'automazione consente non solo all'operatore di risparmiare tempo evitandogli buona parte degli spostamenti, ma ottimizza anche l'area di stoccaggio e garantisce una migliore qualità nella preparazione degli ordini", afferma Bruno Delrue.

Frédéric Zielinksi, Development Director a  SAVOYE, esprime riconoscimento e orgoglio nei confronti di MDS: “Ci sono state molte ragioni che mi hanno spinto a venire in Savoye nel 2017: le dimensioni dell'azienda che le consentono di essere agile e reattiva, promuovere l‘innovazione, nel senso pragmatico della parola, ovvero quando il mercato è pronto ad accogliere nuove soluzioni e prodotti, tecnologie avanzate e soprattutto quando porta risultati tangibili ai nostri clienti in termini di prestazioni, crescita e risparmi.

In realtà, la ragione più ovvia è rappresentata dalle relazioni che Savoye intrattiene con i suoi clienti da molti anni. Savoye ha sempre tenuto in considerazione il fatto che ogni contatto tra un'azienda e i suoi clienti ha un effetto a catena sulla relazione.

La creatività, l’innovazione al momento giusto e soprattutto la disponibilità ad ascoltare attentamente MDS e Bruno Delrue, in particolare in fatto di tecnologie, robotica e automazione, hanno garantito negli anni la durata di questa solida relazione - della quale Savoye è orgogliosa di far parte”.

MDS si avvale di SAVOYE da oltre quindici anni e continua a lavorare con l'integratore secondo i cambiamenti della crescita, soddisfatta della capacità del partner di "innovare, adattarsi alle esigenze del cliente con flessibilità e una reale capacità di personalizzazione”, come conclude Bruno Delrue.

 

Bruno Delrue, amministratore delegato di MDS